Norme di comportamento, regolamento d'Istituto, obblighi del personale

Tutti gli elementi del “contratto formativo” debbono essere conosciuti e condivisi dagli studenti, i quali devono essere informati circa gli obiettivi del processo formativo, l’articolazione del curricolo, le consegne che vengono loro date, le modalità della valutazione. Niente può essereimplicito o dato per scontato. La trasparenza dell’intero processo è elemento essenziale del risultato. Viene consegnato allo studente un libretto delle giustificazioni mentre le valutazioni periodiche di profitto sono comunicate alle famiglie per mezzo del registro elettronico.

L’ingresso in aula è consentito a partire dalle 8.15

Le lezioni hanno inizio alle 8.20

Gli alunni che si presentano in ritardo dopo tale ora sono ammessi in classe con le seguenti modalità:

8.20 – 8.30 annotazione di tipo R sul registro di classe

8.30 in poi annotazione di tipo E sul registro di classe con autorizzazione della Dirigenza (biglietto azzurro)

Qualora l’alunno arrivi a scuola oltre le ore 8.20 non può entrare a scuola ma deve attendere la campanella della 2° ora, ciò al fine di evitare una continua interruzione dell’attività didattica della prima ora che risulterebbe altrimenti pregiudicata.

I ritardi sono di norma ingiustificati, salvo che non siano determinati da motivi oggettivi.

Le assenze e i ritardi nel presentarsi alle lezioni, anche se giustificati, costituiscono, comunque, una riduzione del tempo scuola ed hanno conseguenze negative sul profitto.

Quando il numero delle assenze, anche giustificate, è superiore ad 1/3 dei giorni di effettiva lezione, l’acquisizione degli obiettivi formativi previsti deve essere accuratamente verificata. In questi casi il Coordinatore di classe dovrà darne comunicazione alla Dirigenza, in tempo utile, perché possano essere avviate le opportune valutazioni.

Le assenze devono essere sempre giustificate e, per i minorenni, la giustificazione deve portare la firma di un genitore.

La giustificazione deve essere esibita al massimo entro il terzo giorno dal rientro a scuola. Dopo tale termine l’assenza sarà considerata ingiustificata.

Per le assenze di durata superiore ai cinque giorni e che siano dovute a malattia deve essere presentato certificato medico di guarigione.

Il Preside o il docente delegato possono ritenere non giustificata l’assenza quando i motivi addotti appaiano, a loro insindacabile giudizio, irrilevanti o inattendibili. Contro la mancata giustificazione è ammesso ricorso all’Organo di garanzia.

L’uscita dalle aule durante le ore di lezione può essere autorizzata dall’insegnante di classe per non più di un alunno per volta e solo a partire dalla terza ora, salvo casi di urgenza accertati dall’insegnante.

Bevande e panini possono essere acquistati dagli alunni solo durante la ricreazione o secondo disposizioni concordate col coordinatore di classe.

E’ dovere di tutti rispettare l’ambiente scolastico, non danneggiare i banchi, le altre suppellettili ed i muri ; a tal proposito si fa divieto di attaccare qualsiasi cosa sui muri e sulle porte ( cartelloni, anche di natura didattica, figurine, fotografie, avvisi …) e si invitano i docenti, per quanto possibile, a prevenire, controllare e punire i comportamenti difformi dalle regole.

E’ assolutamente vietato fumare nei locali della scuola, compreso il cortile, introdurre bevande alcoliche e qualunque altro genere di sostanza stupefacente. La violazione del divieto di fumare,da parte di tutta la comunità scolastica, è sanzionata con la somma di €30.00 da versare alle casse scolastiche.

I docenti della prima ora sono tenuti ad essere in aula alle ore 8.15.

Al cambio dell’ora gli insegnanti sono tenuti a raggiungere, senza indugio, la propria aula di lezione.

Durante l’intervallo di ricreazione l’insegnante della terza ora è tenuto a trattenersi in aula e qualora in classe non rimanga nessun alunno vigilerà sullo spazio immediatamente antistante la propria aula per un raggio di osservazione di tre metri dalla soglia della porta. Nei corridoi e negli spazi comuni la vigilanza è affidata ai collaboratori scolastici.

I docenti riceveranno i genitori nelle prime due settimane di ciascuna mensilità, escluso il mese di gennaio, in considerazione del fatto che nello stesso, subito dopo gli scrutini, verranno consegnate le pagelle relative al primo periodo didattico, con comunicazione scritta di eventuali debiti contratti e consequenziali recuperi

Nelle ore di disposizione e di ricevimento dei genitori i docenti sono tenuti ad essere presenti per l’intera ora.

Durante lo svolgimento delle assemblee di classe il docente in orario è tenuto a restare nelle vicinanze dell’aula. Nel caso di classi particolarmente che non danno sufficiente garanzia di autocontrollo e responsabilità, il docente è autorizzato a rimanere nell’aula durante l’assemblea. Nel caso in cui il docente in servizio rilevi un uso scorretto o diverso da quello previsto dalla normativa della assemblea di classe, è tenuto ad interrompere l’assemblea e a ripristinare le condizioni per lo svolgimento regolare della lezione.

Di norma la durata delle assemblee di classe è di 2 ore mensili che possono essere utilizzate anche separatamente in considerazione del numero degli argomenti all’ordine del giorno e delle tematiche trattate.

L’assemblea di classe va richiesta al coordinatore, dopo aver ricevuto la disponibilità del/dei docente/i della/e ora/e interessata/e, almeno cinque giorni prima della data fissata. Il verbale redatto dovrà essere consegnato al Dirigente Scolastico

Durante lo svolgimento dell’assemblea studentesca di Istituto i docenti devono assicurare la loro presenza a scuola secondo il rispettivo orario allo scopo di assicurare il servizio agli studenti non partecipanti o in caso di interruzione dell’assemblea, proseguire il regolare andamento delle lezioni.

I docenti hanno l’obbligo di leggere e ove richiesto di firmare per presa visione le comunicazioni delle presidenza e le circolari dell’amministrazione nell’apposito registro; l’omissione di questo adempimento non può essere addotto a giustificazione della mancata conoscenza.

Sei qui: Home Offerta formativa Regolamenti Norme di comportamento, regolamento d'Istituto, obblighi del personale